martedì 28 maggio 2013

CREPES AI FIORI DI ZUCCA CON RIPIENO SFIZIOSO

Seconda sfida ponti, non vedevo l'ora!!! Il tema del secondo confronto è:

COSA SUCCEDE SE I TUOI AMICI SI AUTO INVITANO TUTTI INSIEME A CASA TUA IL SABATO SERA? CON QUALE RICETTA PREPARI UN PIATTO VELOCE E LI STUPISCI?
Creare il piatto a tema utilizzando i seguenti ingredienti:
- un pesce azzurro
- fiori di zucca
- un frutto secco a scelta
- almeno due prodotti ponti a scelta

Ho pensato: quando vengono gli amici a cena e siamo in molti spesso preparo delle veloci crepes sul momento e poi ognuno le farcisce e le gusta calde o fredde, come preferisce,
Da qui l'idea di partecipare alla sfida Ponti con le CREPES AI FIORI DI ZUCCA CON RIPIENO SFIZIOSO A BASE DI SGOMBRO, ROBIOLA, PINOLI, OLIVE E CAPPERI.

Ingredienti per 8 crepes:
8 fiori di zucca
3 uova
2 bicchieri di latte
100 gr. di farina
1 pizzico di sale

Ingredienti per il ripieno:
2 scatolette di sgombro al naturale da 150 gr.
4 cucchiai di olive nere ponti
2 cucchiaio di capperi ponti
250 gr. di robiola
70 gr. di pinoli

Preparare il ripieno: in una ciotola mischiare lo sgombro al naturale filtrato dall'acqua con le olive spezzetate, i capperi, i pinoli e la robiola diluita con 4 cucchiai di latte.
Preparare la pastella per le crepes. Sbattere le uova in una ciotola e aggiungere poco per volta la farina setacciata, il latte e il sale. Nel mentre lavare e pulire i fiori di zucca, scaldare la crepiere elettrica o la padella antiaderente, posizionarvi un fiore spezzettato al centro e versarvi la pastella. Fare cuocere per circa 2 minuti per ogni lato. Servire calde e ogni commensale potrà aggiungere il ripieno a base di pesce, richiuderla su se stessa e gustarla.

CAKE DESIGN ITALIAN FESTIVAL 2013

E' tornato il Festival del Cake Design a MIlano. Una bella esperienza vissuta molto diversamente dall'anno scorso. Niente corsi di perfezionamento ma tutto la giornata a mia disposizione, con tranquillità. 
Ho partecipato a Cupcake Mon Amour, dove ho conosciuto la simpaticissima blogger giochi di zucchero,  rincontrato le mie amiche "tortare" e passeggiato allegramente alla scoperta di stand molto interessanti e torte meravigliose. Vi posto le creazioni che mi sono piaciute di piu'. Io adoro le torte colorate e originali, gusto personale, alcune volte semplici ma di molto effetto.

domenica 26 maggio 2013

CUPCAKE MON AMOUR: KitchenAid, Letizia Grella e Blogger


CUPCAKE MON AMOUR, una presentazione, una chiaccherata, una lezione pratica per food blogger, con due nomi eccellenti:
Letizia Grella, famosa stilista di torte elaborate e KitchenAid, noto produttore di piccoli e grandi elettrodometici di design, tra cui il robot da cucina Artisan, sogno di tutte le appassionate del settore. 




All'interno del Cake Design Italian Festival è stata ricreata una vera Bakery attrezzata da KitchenAid e altri sponsor.
Qui si prepara la vera torta all' italiana che ribadisce Letizia, dovremmo sempre trovare in una cake con copertura di zucchero in stile inglese. 
La pasticceria italiana ha una lunga storia di decorazione. Sono le materie prime ad essersi trasformate: in passato si usava la pasta di mandorla, ora si utilizza la pasta di zucchero.
Per Letizia il motto è: torte buone prima di tutto, lavorate con ingredienti di qualità. 
Mi ha colpito positivamente quando ci ha parlato delle dummy in polistirolo, le torte finte per esposizione. Una torta del genere deve poter essere replicata in una torta vera. Secondo me ha centrato il problema. Alcune torte-sculture in pasta di zucchero sono magnifiche ma purtroppo non trasformabili in una torta vera, questo è un limite.


sabato 25 maggio 2013

CAKE DESIGN ITALIAN FESTIVAL

Quante idee e spunti mi ha dato il Cake design italian festival .... cake design italian festival
otto ore e mezza al festival sono state di grande ispirazione!
Domani racconti vari e poi tantissime ricette



giovedì 23 maggio 2013

TAGLIATELLE ALL'INDIANA CON RAGU' DI POLLO E CURRY


Una primo piatto saporito e speziato: tagliatelle integrali con ragu' di pollo e curry. Le spezie potete dosarle a piacimento per ottenere il gusto desiderato. A mio parere il curry si sposa benissimo con la carne bianca.
Con questo piatto ho vinto la sfida Fissler m@aster blogger, una divertente gara di cucina alla Biobottega di Torino.

Ingredienti per 4 persone:
300 gr. di pasta a scelta
200 gr. di petto di pollo
curry circa un cucchiaino
200gr. di panna da cucina
sale e olio q.b.

Mettere a cuocere la pasta in acqua bollente. Nel mentre tagliare a striscioline o tritare grossolanamente il pollo e metterlo a cuocere per circa 10 minuti in padella con un cucchiaio d'olio. A fine cottura aggiungere la panna, il curry e due cucchiai di acqua di cottura. Salare a piacere.
Condire la pasta con il sugo preparato e buon appetito.


MELANZANE CON CAPPERI, OLIVE E CRESCENZA SU CIALDA


Melanzane grigliate leggere, arricchite da un trito di pan pesto olive e capperi e completate da una salsina alla crescenza. Ottime come antipasto o secondo piatto vegetariano. Tempo per farcirle e impiattare direi 5 minuti direi escluso il tempo per grigliare le melanzane in padella! 
Con questo piatto ho vinto la sfida Fissler m@ster blogger. In origine il piatto era bicolor, sempre melanzane grigliate ma alcune bianche con la ricetta che ora vi propongo altre facilissime, insaporite da salsa di pomodoro e parmigiano.

Ingredienti per 4 persone
1 melanzana lunga
1 cucchiaio di capperi
2 cucchiai di olive nere o verdi
8 cucchiai di pan pesto
100 gr. di crescenza
4 cucchiai di latte
8 cucchiai di parmigiano grattugiato per le cialde


Tagliare la melanzana a fettine sottili e cuocerle per circa 5/8 minuti in padella antiaderente girandole spesso. Saranno pronte quando i bordi inizieranno ad accartocciarsi leggermente e a perdere un po' di umidità. 
Nel mentre tritare il pan pesto con le olive e i capperi. Prendere un piatto, mettervi le melanzane e intervallarle una ad una con il trito (circa 4-5 melanzane). Far sciogliere la crescenza con il latte e metterla sopra le melanzane e il piatto è pronto per essere gustato Io non ho usato sale in quanto i capperi e le olive sono già molto saporiti.
Se volete impiattarle come ho fatto io preparate delle cialde di parmigiano. Sono facilissime da realizzare. Mettete due cucchiai circa di parmigiano grattuggiato a fondere sul fuoco in una padella antiaderente, togliete dal fuoco e lasciate riposare.

FISSLER MASTER BLOGGER




















Una gara di cucina scoperta quasi per caso, pochissime le informazioni che ci hanno dato (è stata una strategia per creare suspance!) Appuntamento alla Biobottega di Corso Regina a Torino e la giornata è stata divertentissima! Senza dimenticare di dirvi che ho vinto la sfida!!! Oltre all'utilissima pentola a pressione Fissler regalatami, avro' l'occasione di partecipare a settembre a Milano al Macef, il salone internazionale della casa.
La gara è stata ad aprile, è passato un po' di tempo lo so.... Ho pero' avuto il tempo di rifare i piatti ideati da me al momento della sfida di cucina, fotografarli e postarli nelle prossime pagine e lasciarvi alcuni link di altri blog partecipanti.
Cosa avevamo a disposizione per cucinare? Un bancone ricco di prodotti che si trovano comunemente in una cucina di casa, se ci si è ricordati di fare la spesa, aggiungerei!
Cosa dovevamo proporre? Un piatto ideato sul momento, dolce o salato a nostra scelta, cucinato nelle mitiche padelle Fissler
Quanto tempo a disposizione? Trenta minuti, ma un po' di tempo supplementare c'è stato concesso.
Chi eravamo? Due blogger, io e il mio blog zuccheramente e la simpaticissima Tania e il suo blog speckandthecity. Direi "poche ma buone". Mancavano infatti altre due concorrenti all'appello, non presenti per imprevisti vari.
Cosa ho ideato e cucinato? la sfida era doppia: un piatto a scelta, ho preparato delle melanzane grigliate "bicolor": alla pizzaiola con pomodoro, grana e basilico e bianche con olive, capperi e crescenza,
un sugo per un primo piatto veloce;  ho scelto ragu' di pollo con panna e curry.
Chi ci aiutava? Eravamo spalleggiati dalla bravissima Gaia Masiero e supportati da uno vero chef, Massimo Cairati!
Per darvi uno spunto in più vi lascio i link di alcune/i  blogger che hanno partecipato alle varie sfide in giro per l'Italia. Chi ho dimenticato mi scriva, la aggiungerò molto volentieri!

le torte di michy
lo scrigno delle bontà
dolcemente inventando
un rafano sul divano
lamponi e tulipani
cappuccino e cornetto
in cucina da eva
cravatte ai fornelli
nonna paperina
acqua e farina-sississima
sapori in concerto





martedì 21 maggio 2013

MUFFIN O CUPCAKES CAMALEONTICI

I muffin e i cupcakes possono cambiare aspetto facilmente per adattarsi alla situazione!!!!
Questi miei dolcetti prima erano dei golosi muffin con pepite di cioccolato poi in un attimo cupcakes con crema chantily. Facilissimi da fare e golosissimi, sono finiti in un batter d'occhio
Per l'impasto potete usare una vostra ricetta per torte super collaudata o utilizzare quella che vi propongo, la famosissima ricetta di cake allo yogurt. Io ho utilizzato quello aromatizzato alla vaniglia e il classico vassetto di yogurt come misurino.
Per la farcitura, essenziale la sac a poche se volete fare una bella decorazione. Un mix di panna montata zuccherata e crema pasticcera (due terzi della prima e un terzo della seconda) e il gioco è fatto!


Cupcakes allo Yogurt

Ingredienti per circa 24 cupcakes maxi, se li volete mini dimezzate le dosi:
1 vasetto di yogurt alla vaniglia
3 uova
3 vasetti di farina
1 bustina di lievito
1 vasetto scarso di olio di semi
2 cucchiai di gocce di cioccolato fondente
1 vasetto di zucchero
sale q.b.
200 ml. di panna da montare
100 ml. di crema pasticcera
zucchero a velo q.b.

Montate a spuma i tuorli con lo zucchero e un pizzico di sale. Unite l'olio, la farina e il lievito setacciati e lo yogurt e amalgamate il tutto. Montate gli albumi a neve e incorporateli al composto senza farlo smontare. Riempire i pirottini di carta con due terzi del composto e mettere in ognuno una spolverata di gocce di cioccolato
Cuocete a 180 gradi, forno statico per circa un quarto d'ora. 
Mentre i dolcetti si raffreddano, montate la panna con zucchero a velo e unitevi successivamente la crema pasticcera. 
Riempite una sac a poche e decorate i cupcakes. Conservarteli in frigo fino a quando non verranno gustati.

domenica 19 maggio 2013

TORTA CON MACARON

I Macaron sono una prelibatezza francese. Il negozio La Durèe a Parigi è una tappa obbligata per chi visita la città. Mi piacciano molto i colori di questi dolci, le tonalità sono tantissime e gli abbinamenti cromatici che si possono inventare sono meravigliosi.
Prendendo ispirazione da queste dolcezze oltralpe, mi sono cimentata in una torta molto molto golosa a base di crema chantilly (panna+crema pasticcera), fragole fresche, copertura di ganache al cioccolato bianco e decorazione in macaron.


Ingredienti per la base Chiffon Cake:
290 gr. di farina 00
6 uova
300 gr. di zucchero
190 ml. acqua
130 ml olio di semi
1 bustina di lievito
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 pizzico di sale

Ingredienti per la farcitura:
200 gr. di panna montata
200 gr. di crema pasticcera
30 macaron ai gusti preferiti (presto vi posto la ricetta)
100 gr. di fragole fresche
1 limone
1 cucchiaio di zucchero

Ingredienti per la ganache di cioccolato bianco:
100 ml. di panna da cucina
200 gr. di cioccolato bianco


Montate gli albumi a neve con un pizzico di sale, ci serviranno dopo per rendere soffice il nostro dolce.
Successivamente mettete in una ciotola la farina e il lievito setacciati, lo zucchero, l'acqua, l'olio, le uova, l'essenza di vaniglia e un pizzico di sale e mescolate con le fruste elettriche.
Unite gli albumi montati a neve al composto mischiando con "dolcezza" per non farli smontare.
Imburrate una teglia da circa 20/22 cm.o ancora meglio usate la carta da forno e versateci l'impasto. Fate cuocere a circa 170 gradi, forno statico per circa 60 minuti.
Dieci minuti prima di sfornare spostate la teglia su un ripiano più in basso del forno, in modo che la parte inferiore della torta rimanga ben cotta.
Fate la prova stecchino: se lo stecchino messo al centro della torta esce pulito, potete sfornare la Chiffon Cake e farla raffreddare.
Tagliate la torta orizzontalmente in tre parti e farcirtela con la crema pasticcera unita in precedenza alla panna e aggiungetevi le fragole a pezzettini, lasciate a macerare con zucchero e limone.
Mettete la torta in frigo e nel mentre preparate la ganache. Fate scaldare la panna senza farla bollire e scioglietevi il cioccolato lentamente.
Quando la ganache si sara' raffreddata (circa mezz'ora) usatela per ricoprire la torta aiutandovi con una spatola o un cucchiaio. Decorate come vi porta la fantasia, io ho usato macaron bicolor e fiorellini in pasta di zucchero. La farcitura dei macaron al cioccolato è semplice panna montata.




giovedì 16 maggio 2013

SALONE DEL LIBRO TORINO 2013 - CASA COOKBOOK

Inviata speciale al salone del libro edizione 2013? Purtroppo semplicemente curiosa. Decido di aggregarmi alla mia amica Betta, sempre aggiornata sulle'editoria e andare a curiosare il salone. Dopo tutto è un grande evento ed in mezz'ora di tragitto sono li. La parte di cui vi parlerò e che mi incuriosiva di più è la zona dedicata al cibo e allo showcooking, la Casa CookBook una delle novità di quest'anno. 
Le case editrici enogastronomiche in quest'area fanno da padrone presentando le loro novità editoriali in un connubio con le aziende partner; per gli appassionati del settore, e' una vera goduria. Un area attrezzata dedicata allo Show kitchen completa la Casa CookBook e molti sono gli incontri proposti. Ampio spazio anche ai foodblogger, professione o hobby di tendenza come lo è il food attualmente. Per avere qualche informazione in più potete cliccare questo link http://www.salonelibro.it/salone/casa-cookbook.html, il salone termina lunedì alle ore 22.00. Per orientarvi se dovete fare uno spuntino veloce, qui potete trovare utili indicazioni direttamente dal blog di Maricler e Fabrizio http://www.thechefisonthetable.it/2013/05/16/dove-mangiare-al-salone-del-libro-liveblogging/
Visitare la fiera il giovedi mattina è stata una mossa vincente, al pomeriggio il pubblico era in netto aumento e la tranquillità della mattinata stava svanendo.
Ho assistito alla presentazione di un libro incentrato sul cibo che dà felicita', condivisione, ricco di spiritualità. La prima persona che ha partecipato al dibattito sul cibo è stata una monaca buddista. Questa non mi è sembrata una pura coincidenza. Forse perchè il mio viaggio in Laos risale a poche settimane fa, e le immagini dei monaci buddisti che abbiamo incontrato un po' ovunque è ancora vivo nella mia mente.
La cosa interessante di questa presentazione era lo Show Cooking che lo accompagnava. Delle cuoche hanno cucinato davanti ai nostri occhi due ottimi piatti indiani: delle frittelle di verdure e pane, i pakora  e un dolce a base di semolino e frutta secca l'Halva. Entrambi sono cibi molto popolari in India.

lunedì 13 maggio 2013

CHEESECAKE SALATA

Fine settimana incentrato sul giardinaggio, giornate di sole finalmente, forse la primavera è davvero arrivata.
Premessa. Mi piacciono molto le piante, quelle di banano e di bambu', verdi e rigogliose, sono tra le mie preferite.
Hanno però una crescita rapida e vigorosa  e soprattutto non sono molto adatte alla coltivazione in vaso.
Problema: il mio giardino è piccolo ma il terrazzo spazioso.
Soluzione: coltivo il banano e i bambu' in vaso.
Opzione valida per qualche anno, poi le piante hanno bisogno di spazio e di vasi piu' grandi.
Cosi il mio weekend di sole è stata l'ideale per travasare 5 bambù e un banano. Sembra un lavoro facile ma non lo è; toglierli dai vecchi contenitori di acciaio non è stato per niente un operazione veloce, abbiamo dovuto aprire i vecchi vasi non recuperabili, come delle scatole di sardine!

Ho trovato comunque il tempo per preparare queste veloci cheesecake salate, una valida alternativa alle torte salate, senza usare pasta sfoglia o pasta brisè o se si vuole preparare un piatto non troppo classico. 
La cheesecake è una torta al formaggio, da mangiare fredda. Nella versione dolce la base è fatta da biscotti sbricciolati, nella mia versione salata ho utilizzato dei crackers integrali sminuzzati uniti al burro fuso.
Ho preferito preparare delle mini porzioni, semplici da mangiare come finger food e gli amici hanno apprezzato. In questo caso è stata utile la teglia classica da muffin, comoda per le monoporzioni. Aiutandosi con un cucchiaio, rimane piuttosto facile togliere le cheesecake dalla teglia e non è necessario imburrare in precedenza o usare dei pirottini.
L' aggiunta dei gamberetti qualche minuto prima di finire la cottura in forno o di rondelle di porro saltate in padella, con un trito di pangrattato e parmigiano, può essere un idea per rendere piu' gustoso e finito il piatto.
Se volete rendere più leggere le cheesecake potete sostituire la panna da cucina con la panna di soia, io la trovo buona e non modifica il gusto finale.

Ingredienti per 12 mini cheesecake:
150 gr. di crackers integrali
60 gr. di burro
100 gr. di ricotta
2 uova
60 ml. di panna da cucina
1 porro
60 gr. di gamberetti scongelati già cotti
3 cucchiai di parmigiano
2 cucchiai di pangrattato
sale e pepe bianco qb.


Procedimento:
Sbricciolare i crackers  e unirvi il burro fuso, conservandone una noce. Amalgamare il composto e metterlo dentro i pirottini da muffin schiacciandolo con il dorso del cucchiaio. Nel mentre saltare il porro tagliato a rondelle fini in padella con una noce di burro per una decina di minuti.
Sbattere le uova insieme a due cucchiai di parmigiano, la panna, il sale e il pepe bianco. Aggiungere la ricotta e il porro e amalgamare. Mettere circa due cucchiai di composto sopra la base di crackers messa in precendenza  nella teglia da muffin. Fare cuocere per circa 15 minuti, forno statico a 180 gradi.
Nel mentre mischiare il parmigiano rimasto con il pangrattato e un pizzico di sale. Sfornare le cheesecake, decorarle con gamberi o porri e il composto di pangrattato e parmigiano e infornare altri 5 minuti per la doratura. Sfornare e far raffreddare prima di servire.

giovedì 9 maggio 2013

CONCHIGLIE AL SAPORE DI MARE

Ho aderito ad una bellissima sfida organizzata dall'azienda Ponti: Tutti cuochi per te. 
Sei sfide culinarie lanciate sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/CuocoDiFulmine, dove i foodblogger posso creare ricette originali utilizzando le indicazioni di ogni singola sfida e il pubblico puo' dare il proprio like.
Ottima occasione per inaugurare il mio regalo di compleanno: obbiettivo nuovo per la macchina fotografica! La strada è ancora tanta da fare, ma spero che le mie foto mi diano tante soddisfazioni!
Il piatto aveva tutta un'altra "luce" questa sera!


Il tema del primo confronto è
TI PRENDO PER LA GOLA COSI' PERDI LA TESTA

quale piatto prepareresti per conquistare lui / lei? 
Con quale ricetta trasformi un assaggio in un colpo di fulmine?
Creare il piatto a tema utilizzando i seguenti ingredienti
- un formato di pasta
- pomodori
- una varietà di pesce a scelta
- almeno due prodotti Ponti a scelta

Ingredienti per 2 persone:
8 conchiglioni rigati
1 seppia fresca di medie dimensioni pulita
8 pomodori pachino
4 cipolline Ponti all'aceto di vino
1 pugno di prezzemolo riccio
1 cucchiaio di semi di zucca
glassa gastronomica all'aceto balsamico Ponti per condire e decorare
olio extravergine d'oliva
sale q.b.

Far bollire per circa venti minuti minuti la seppia in acqua salata e poi farla raffreddare Nel mentre cuocere la pasta molto al dente e passarla sotto l'acqua fredda in modo da fermare la cottura.
Tagliare in piccoli pezzetti il pesce, il pomodoro e le cipolline e mettere a insaporire con i semi di zucca, un pizzico di sale, prezzemolo e olio extravergine d'oliva.
Riempire i conchiglioni con la farcitura, aggiungere una goccia di aceto balsamico, impiattare e servire il piatto freddo o tiepido a piacere.


martedì 7 maggio 2013

LAOS, PER ME UN ARRIVEDERCI

Quando viaggio in un paese lontano che sia America, Africa o Asia, mi ci vuole qualche giorno per entrare nei ritmi di vita della gente che vi abita, per apprezzare fino in fondo questi luoghi e non voler più ripartire.

Così e' stato anche per il Laos, poco meno di 10 giorni in una terra ricca di magia e tradizioni. Un viaggio bello e intenso nel nord del paese, organizzato direttamente da noi, una scoperta continua giorno dopo giorno....
Abbiamo potuto scoprire villaggi rurali che fanno pensare all'Italia di 100 anni fa, città antiche con un atmosfera che ti conquista, fiumi che scandiscono la vita quotidiana, colori, mercati e persone che ti entrano nel cuore. Il tutto immerso in una spiritualità buddista che sembra ancora intatta e spero rimanga tale a lungo.
I miei ricordi piu' belli sono anche nelle fotografie. Le avrei inserite tutte ma non sarebbe stato possibile, spero che a guardarle possiate provare le stesse emozioni che ho provato io quando le scattavo.

Non vi propongo ricette in questo post ma presto vi parlerò di noodles e riso, la base della mia dieta nei dieci giorni di viaggio. Con le mie due compagne di viaggio abbiamo potuto assaggiare piatti insoliti come il bambu' e il pesce cotto dentro la foglia di banano e apprezzare molto l'uso del lime e dello zenzero fresco.
La mia ultima colazione asiatica a base di dolcetti al cioccolato e the verde mi ha letteralmente stregata. Devo mettere insieme le poche informazioni che il pasticcere asiatico mi ha dato, usare un po' di fantasia e proverò a prepararli.

Abbiamo incontrato pochi turisti, in alcune zone quasi nessuno. E' stata un grandissima fortuna ed è quello che ha contribuito a rendere il viaggio indimenticabile.
I nostri inseparabili "compagni di viaggio" sono stati:

I monaci vestiti di arancione

I bambini curiosi e bellissimi